Archivi Blog

E.L.F.

Con il primo post di oggi torniamo ad occuparci di lingue tolkieniane. Saltando di link in link e di sito in sito ho trovato qualcosa di interessante. Il sito della E.L.F. (Elvish Linguistic Fellowship), che si autodefinisce come un gruppo specialistico di studio appartenente alla Mythopoieic Society, la quale si occupa dello studio e della diffusione dell’opera degli Inklings (il circolo letterario dell’università di Oxford di cui fece parte anche Tolkien).

Il sito, molto ben organizzato, è in lingua inglese e porta sul web l’opera di questo gruppo di studiosi che, oltre ad occuparsi delle lingue di Arda, portano sul mercato pubblicazioni come volumi e alcune riviste (Vinyar Tengwar, Parma Eldalamberon ). Il gruppo cura anche il giornale on line Tengwestië.

Con un menù ben organizzato il sito offre la possibilità non solo di accedere a studi sulle lingue Tolkieniane, ma anche di accostarsi alle lingue che il professore utilizzò per costruirle. Ad esempio molto ampia è la sezione dedicata all’indo-europeo, al Greco, al Latino, alla storia della lingua e alla linguistica generale. Sono certamente strumenti un poco specialistici ma utili per chiunque voglia accostare con serietà questo vero e proprio universo.

Si trovano poi le sezioni dedicate alle tre riviste, una espressamente creata per gli errata corrige, e il link per il giornale on line Tengwestie (il nome in Quenya sta per “lingua”).

Altro link interessante è quello che conduce alla pagina della mailing list intitolata Lambengolmor.

A tutti gli appassionati di Elfico auguro buona lettura!

 

Tolkien tra i banchi di scuola

Certo è che nelle aule scolastiche J. R. R. Tolkien si trovava bene, al punto di passarci tutta la vita per il suo lavoro di docente universitario. Non è così scontato tuttavia che anche le sue opere abbiano conosciuto lo stesso destino. Oltre che nelle università, dove Tolkien viene visto soprattutto come autore per ragazzi ed è un po’ snobbato, in molti casi, anche nella scuola primaria non è detto che la sua presenza sia favorita del tutto. Ricordo che nel libro antologico della terza media avevo in dotazione il brano della fuga dal Balrog a Moria, e ciò è lodevole. Tuttavia la prof preferì tralasciare questa bellissima pagina rocambolesca dell’opera di Tolkien per affrontare altri temi. Tuttavia spesso nelle antologie non si ha nemmeno la fortuna di vedere comparire qualche pagina del professore inglese. Un articolo del sito dell’associazione romana di studi Tolkieniani cerca di far luce sulla situazione delle scuole svedesi e di una collana antologica che dà ampio spazio a brani tratti da “Le due torri”. Speriamo che anche in Italia tra qualche tempo il papà degli Hobbit sia sdoganato nelle scuole!

Tolkien va a scuola… ma soltanto in Svezia!

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

The Flame Imperishable

A blog about Tolkien, St. Thomas, and other purveyors of the Philosophia Perennis.

Notes & Commentaries

"Lange sceal leornian se þe læran sceal." - Homilies of Ælfric

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

The Corner Of Culture

Raising the standards of the 21st Century

Calvin's Book Block

4TH avenue, book street

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

Tales from the Cards

A Lord of the Rings LCG Blog

FarOVale

Hearts on Earth

Yggdrasil

folklore, fiabe, miti, storia, alchimia, magia

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life