L’arrivo di Sauron. Un racconto inedito che sembra “The Road”

di Edoardo Rialti

da “Il Foglio”

Tu sei il mio unico figlio, il mio carissimo figlio, e vorrei che in ogni nostra scelta fossimo come uno solo. Ma scegliere dobbiamo – sia tu che io – giacché al tuo ultimo compleanno sei divenuto uomo d’armi e al servizio del re. Scegliere dobbiamo tra Sauron e i Signori (o Uno più grande ancora). Immagino tu sappia che non tutti i cuori in Númenor sono attratti da Sauron?”. “Sì, anche in Numenor ci sono dei pazzi”, disse Herendil, abbassando la voce, “ma perché parlare di cose simili all’aperto? Desideri forse attirare del male su di me?”. “Non porto alcun male”, disse Elendil. “Ed ecco cosa ci è imposto: scegliere tra mali, son questi i primi frutti della guerra. Ma guarda, Herendil! La nostra è una Casa di sapienza e di conoscenza vigile, ed è stata a lungo riverita per questo. Io ho seguito mio padre, per come ho potuto. Seguirai tu me? Cosa sai della storia del mondo o di Númenor? Non hai che 44 anni [gli uomini di Númenor invecchiano assai più lentamente dei comuni mortali. A ottant’anni sono ancora nel pieno del vigore, nda]. E non eri che un bambino all’arrivo di Sauron. Non puoi capire come fossero i giorni prima di allora. Non puoi scegliere nell’ignoranza

 

“Eppure altri, più anziani o saggi di me o di te, hanno scelto”, fece Herendil. “E dicono che la storia dà loro conferma, e che Sauron ha gettato nuova luce sulla storia. Sauron la storia la conosce, tutta quanta”. “Certo, Sauron la conosce, ma egli distorce la conoscenza. Sauron è un bugiardo!”. La rabbia crescente fece alzare la voce di Erendil. Le parole suonarono come una sfida. “Tu sei pazzo” disse suo figlio, volgendosi alfine verso suo padre con occhi timorosi ed impauriti. “Non dirmi cose simili! Loro potrebbero, potrebbero…”. “Chi sono questi loro, e cos’è che potrebbero fare?”, chiese Elendil, ma il brivido della paura passò dagli occhi di suo figlio al suo stesso cuore.
“Non chiederlo! E non parlare così forte!”. Herendil si voltò altrove, e giacque a terra con la faccia nascosta tra le mani. “Lo sai che è pericoloso per tutti noi. Chiunque egli sia, Sauron è potente, e può ascoltare. Ho paura dei sotterranei, e ti voglio bene, ti voglio bene. Atarinyatye-melàne.”
Atarinya tye-melàne, padre mio, ti voglio bene. Le parole suonarono strane, ma dolci: addolcirono il cuore di Erendil. “A yonya inye tyemèla: ti voglio bene anch’io, figlio mio”, disse, sentendo mentre parlava strana ogni sillaba, ma vivida.

 

(J. R. R. Tolkien, “La strada perduta”, romanzo incompiuto. Traduzione di Edoardo Rialti)

 

 

Pubblicato il novembre 8, 2013, in Approfondimento, Giornalismo, Personaggi, racconti, sito internet con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

The Flame Imperishable

A blog about Tolkien, St. Thomas, and other purveyors of the Philosophia Perennis.

Notes & Commentaries

"Lange sceal leornian se þe læran sceal." - Homilies of Ælfric

Racconti della Controra

Rebecca Lena Stories

The Corner Of Culture

Raising the standards of the 21st Century

Calvin's Book Block

4TH avenue, book street

Italia, io ci sono.

Diamo il giusto peso alla nostra Cultura!

farefuorilamedusa

romanzo a puntate di Ben Apfel

Tales from the Cards

A Lord of the Rings LCG Blog

FarOVale

Hearts on Earth

Yggdrasil

folklore, fiabe, miti, storia, alchimia, magia

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: